Salsa Olandese, ti voglio bene


IMG_1111Quando mi annoio perchè a lavoro mi chiedono sempre le stesse cose, piatti che a furia di preparare, li potrei fare ad occhi chiusi… Allora nel tempo libero mi vien voglia di cimentarmi in qualche ricetta complicata, o magari che non faccio da molto tempo, o magari complicata E che non faccio da molto tempo. Spesso dono dolci lievitati particolarmente elaborati e molto spesso invece finisco sul manuale di Grand Cuisine di August Escoffier.

img11187_2

Ora, non fate i puristi della cucina italiana e non schifatevi, la cucina classica francese è la base per ogni cuoco. Mentre qui in Italia le ricette sono tradizioni popolari tramandate da madre in figlio, e poi messe per iscritto da Artusi a fine 800 ma nazionalizzate effettivamente solo dopo il 2° dopoguerra; la cucina francese (magari meno ricca di sfumature della nostra) era già codificata e ben avviata nella grande ristorazione francese.

Il mio manuale preferito è quello di Auguste Escoffier, di cui sono “discepolo”. Il grande organizzatore della cucina. Lo chef più importante di tutta la belle époque.

Oggi ho provato a fare la salsa olandese. Da sempre, assieme alla più conosciuta maionese è la bestia nera di chi non sa emulsionare uova e sostanza grassa. Possono andar storte tante cose, basta sbagliar temperatura o non incorporare bene l’aria e vi trovate una lisciva gialla o grumosa.

L’olandese è una salsa madre, emulsionata a caldo molto utilizzata in oltr’alpe per il servizio del pesce.

Una delle difficoltà è ad esempio la grammatura se ad esempio facciamo solo 2 tuorli (come faccio io) bisogna stare attenti alla temperatura del bagnomaria.

Le dosi:

  • 2 tuorli
  • 200 g burro fuso
  • 2 cucchiai d’acqua
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco
  • pepe fresco macinato
  • sale qb
  • succo di limone (meno di un cucchiaio)

Si fa ridurre il mix di acqua e aceto fino a diventare 1/3 del volume di partenza.

IMG_1098 IMG_1099

Aggiungervi pepe e sale e quando non sarà più bollente, versarlo sui tuorli crudi in una boule ed iniziare a frustare energicamente.

IMG_1106Quindi porre in bagnomaria (che non dovrà proprio bollire) e frustare continuando ad incorporare aria. Quindi, aggiungere in due o tre riprese il burro fuso, continuando a incorporar aria e tenendo ben mosso per evitare che il caldo del bagnomaria faccia formare croste sulle pareti della boule.

IMG_1109Togliere poi dal fuoco e continuare a mescolare con la frusta aggiungendo il succo di limone ed aggiustando di sale.

IMG_1114

Quando densa, conservare in bagnomaria e mescolare di tanto in tanto. Servire calda in accompagnamento al pesce. Ne preparo sempre poca, perché è una salsa “usa e getta” è infatti difficile abbatterla e conservarla in frigo per poi rigenerarla e riutilizzarla. Quindi meglio farne poca e consumarla tutta al momento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...